'

“Il gol dell’ex” : ecco i più famosi in Italia

Il classico gol dell’ex.La rete segnata da un calciatore alla sua ex squadra è uno dei grandi classici del calcio. Spesso questi gol vengono accompagnati da una mancata esultanza per rispetto nei confronti della maglia indossata in precedenza, ma non sempre è stato così. Vi proponiamo alcuni tra i più famosi.

HIGUAIN: il colpo più discusso dell’estate 2016, per 94 milioni di € passa dal Napoli agli acerrimi rivali della Juve. Risulta sempre decisivo contro la sua ex squadra, dal campionato alla Coppa Italia. Nei primi caso non ha esultato, il 3 dicembre scorso ha esultato cercando qualcuno sugli spalti.

 

BATISTUTA:  dopo aver indossato per nove stagioni la maglia della Fiorentina, per la prima volta ritrova i viola da avversario e segna. E’ il 26 novembre 2000, Roma-Fiorentina finisce 1-0, decide Batigol, che a fine stagione festeggerà in giallorosso quel tricolore mai vinto a Firenze

SIMEONEnel catastrofico 5 maggio 2002 ci si mise anche l’ex Simeone contro l’Inter facendo perdere lo scudetto ai neroazzurri.

OSVALDO:  dopo diversi anni alla Roma Osvaldo passa alla Juve e al 94′ di Roma-Juventus segna il gol decisivo ed esulta, eccome se esulta. 

PIRLO: scartato dal Milan ritenuto ormai al capolinea, Pirlo riapre un ciclo vincente alla Juve segnando ai rossoneri con la specialità della casa, punizione.

RONALDO: il brasiliano è stato dal 1997 al 2002 la punta di diamante nell’Inter, venerato e amato dai tifosi neroazzurri nel 2007 passa al Milan e nel Derby segnò il momentaneo 0-1 per i rossoneri (l’Inter poi rimonterà con Cruz e Ibra) portando le mani dietro le orecchie; da ricordare il famoso “gesto dell’ombrello” da parte di Moratti verso colui che ha amato come un figlio.

BAGGIO: non poteva non mancare il Divin Codino, lui che dopo aver regalato gioie alla Fiorentina passa agli acerrimi rivali della Juventus. Da ricordare che nel primo match contro i Viola, nel 91, si rifiutò di battere il rigore contro la sua ex squadra (sbagliato poi da De Agostini) sancendo anche la sconfitta dei bianconeri. Destino diverso nel ’95 quando segnò e portò il suoi alla vittoria.

QUAGLIARELLA: per ultimo vi portiamo l’attaccante campano che di gol dell’ex è un vero specialista: dopo aver vestito le maglia di Napoli,Sampdoria,Torino,Juventus e Udinese ha avuto una certa confidenza a segnarci contro. Da segnalare un dato: nella stagione 2014/15  Quagliarella realizza 13 gol, ma in 8 di questi non esulta perché sono realizzati a Fiorentina, Napoli e Juventus, più due gol all’Udinese e ben tre alla Samp nel 5-1 dell’Olimpico. I gol ai blucerchiati salgono a quota 7.

Chi sarà il prossimo? 

Commenta:

Potrebbero interessarti anche...