'

PAGELLE MARCE | Fiorentina-Milan

Ancora una volta abbiamo deciso di dare i voti ai protagonisti del posticipo dell’Artemio Franchi tra Fiorentina e Milan. Il migliore è il palo della porta del Milan, De Sciglio e Ilicic regalano spettacolo, nel senso che fanno proprio ridere…

pagelle fiorentina milan

PAGELLE FIORENTINA

Ciprian TATARUSANU 6 – Il portiere rumeno, appena rientrato dai 3 anni di galera per furto con scasso, si fa trovare pronto ogni volta che i rossoneri centrano lo specchio della porta (mai). Quando il “Tata” si appisola, ci pensa Badelj a rimediare. FURTO CON SCARSO

Nenad TOMOVIC 5,5 – Fa bene nel duello con Niang, poi vede Luiz Adriano lanciatissimo e non può fare altro che atterrarlo dall’indignazione. INDIGNATO

Gonzalo RODRIGUEZ 5,5 – Il capitano viola non è in gran serata, la ragazza lo tiene sull’attenti perchè indecisa se ha casa libera o no, lui prudentemente rimedia immediatamente un cartellino giallo. La chiamata arriva e così lascia il campo simulando un infortunio muscolare. A DOMANI. (59’ VECINO 5,5 – Il tempo che sta trascorrendo in panchina lo sta deteriorando lentamente. VECCHINO)

Carlos SALCEDO 7 – E’ lui uno dei migliori nella protezione di Tatarusanu. Quando decide di immolarsi rimediando una scarpata in testa da Bacca parte del pubblico viola si commuove peggio di quando si apre la busta di “C’è Posta per Te”. STRAPPALACRIME

Carlos SANCHEZ 6 – Non si capisce perchè Sousa lo sistemi al centro della difesa: totalmente fuori ruolo, combina un paio di “fritattone”. Ma la colpa non è sua. Sappiamo benissimo che Sanchez all’Udinese e all’Arsenal ha sempre dato il meglio da attaccante. SPAESATO

Milan BADELJ 6 – Distribuisce più palloni sbagliati lui che film piratati il Web, il salvataggio su Suso vale un gol. CONTRABBANDIERE (73’ TELLO 6 – Minaccioso nel finale di gara BULLETTO)

Federico BERNARDESCHI 6,5 – La sua migliore recita dai tempi dell’asilo. Finalmente il piccolo Federico impatta sul match rendendosi protagonista di tiri e cross letali per la retroguardia rossonera. Sul finale si dimentica la poesia, ma quello ammirato questa sera è un Bernardeschi di cui i genitori devono essere fieri. BELLICAPELLI

Hrvoje MILIC 5,5 – Si propone con continuità sulla sinistra ma quando vede Calabria si ricorda di un vecchio conto in sospeso con uno spacciatore di n’duia. DALLA CROAZIA COL FURGONE

Borja VALERO 7 – Finalmente il vero Borja dopo la dimenticabilissima performance di Udine: il vero leader dei Viola e “cervello” della banda Sousa. Il pelato più sexy della penisola le prova tutte per infilare Donnarumma, ma il giovane rossonero sa il fatto suo. SEX SIMBOL

Josip ILICIC 5 – Il suo testone gigante gli impedisce di mantenere l’equilibrio quando calcia un rigore, ma lui lo sa, e infatti calcia sul palo sbagliando il rigore. CAPOCCHIONE (82’ BABACAR sv, senza valigie, come l’ultimo che ha usufruito del suo servizio, BLABLACAR)

Nikola KALINIC 6 – Col duo Paletta e Donnarumma da vita ad un vero e proprio Far West dove non ci sono ne vinti ne vincitori. Lo spaccio sulla tratta Zagabria-Sarajevo regalava più emozioni. MAI UNA GIOIA

PAGELLE MILAN

Gianluigi DONNARUMMA 7 – Strepitosa la parata su Borja Valero. Sul rigore si gode la gioia del palo. LAP DANCE

Mattia DE SCIGLIO 4,5 – All’Europeo francese De Sciglio è stato rapito. Non si contano gli svarioni del sosia del terzino rossonero nel corso del match contro la Viola. OSTAGGIO

Gabriel PALETTA 6,5 – Con Nikola Kalinic è sfida aperta dal primo minuto: briscola, scopa, 7 e mezzo, scala, poker, dama, burraco e scacchi ma niente, il duello non vede vincitori.

Alessio ROMAGNOLI 6 – Difesa attenta come quando Luca Giurato cerca di parlare in Italiano. OCCHIO ALLA GAFFE 

Davide CALABRIA 5,5 – L’ingenuità sul rigore è palese, ma lo è anche la scarsezza di Ilicic. HARAKIRI

Riccardo MONTOLIVO 6,5 – Esaltato dai fischi del popolo viola (di solito a fischiarlo sono quelli rossoneri, ndr), la moviola in campo rossonera pare avere impostato la velocità di riproduzione a 2X. Ricicla palloni peggio di un operaio addetto alla nettezza urbana. NETTURBINO

Juraj KUCKA 6,5 – Fondamentale il suo apporto in interdizione e fase di contenimento. PANNOLONE

Giacomo BONAVENTURA 6,5 – Montella gli fa cambiare più posizioni in campo che la sua fidanzata a letto. I margini di miglioramento sono inesplorati (a letto, non sul campo). SFINITO (79’ ANTONELLI s.v. – Senza viagra. Nonostante la dimenticanza della pillola miracolosa regala un finale da pornoattore. SIFFREDI)

SUSO 6 – Si accende a intermittenza prendendosi lunghe pause. LAMPADA

Carlos BACCA 6,5 – Non timbra il cartellino, ma offre sempre la sensazione di avere della roba buona nascosta nei suoi calzini. Volenteroso, esce dalla sua area di rigore e ispira la manovra offensiva. QUI COCA CI COVA (88’ LUIZ ADRIANO 6 – Ci sono praterie da sfruttare, lui lo fa. PASTORE SARDO)

M’Baye NIANG 5,5 – Prevedibile come le battute di Colorado. Deve cambiare qualcosa nelle sue movenze ormai fuori moda dagli anni ’60: spostarsi sempre il pallone sul sinistro non si fa più neanche nei peggiori oratori della bassa bergamasca. ANTIQUATO (67’ LOCATELLI 6 – Dopo un primo tempo passato in panchina a ripassare le tabelline per la vrifica di matematica del giorno dopo, nella ripresa viene gettato nella mischia. Fa il suo senza strafare. SBARBATELLO)

Commenta:

Potrebbero interessarti anche...